Laboratorio teatrale

3>12 settembre 2017

CONDOTTO DA

drammaturgo/autore Federico Bellini

attrice/trainer Sabrina Jorio

regista Tommaso Tuzzoli

Ore di lavoro effettive: 6 al giorno

Numero max partecipanti: 14

Località Tribil Superiore

Il laboratorio si svolgerà all'interno della struttura La Finestra

Contributo spese: 230€ a partecipante

 

 

Il laboratorio teatrale che si svolgerà tutti i giorni dal 3 al 12 settembre 2017 si rivolge a coloro che hanno già avuto esperienza teatrale e che vogliono approfondire alcune tematiche.

Il lavoro si articolerà in tre momenti: l’analisi del testo, un lavoro fisico sulle tecniche dell’attore e la costruzione di una drammaturgia scenica.

Il lavoro verterà sul tema, o concetto, del "PARTIRE"; andarsene, partire fisicamente da un luogo, o 'partire' nel significato metaforico del lasciare ciò che è già conosciuto, anche soltanto, quindi, con la mente, per approdare in territori inesplorati dell'immaginazione.

Un viaggio, del corpo e della mente, condotto prendendo a prestito le parole e i pensieri di chi a questo tema ha dedicato alcuni frammenti salienti della propria opera, da Celine a Walser, dalla grande letteratura americana del Novecento fino ai testi teatrali della contemporaneità, Koltes, Jelinek, Schwab e altri. Un lavoro di indagine che ci guidi alla riflessione e alla composizione di nuovi materiali drammaturgici.

L’analisi delle tematiche del nostro viaggio saranno indagate attivamente e gli strumenti con cui le esploreremo saranno gli esercizi sensoriali, quelli di ascolto, di contatto e soprattutto le improvvisazioni basate su movimento e suono.

Attraverso l’improvvisazione cercheremo una comunicazione più diretta e profonda fatta di immagini ed emozioni al fine di favorire la creatività del singolo all’interno del gruppo.

Ultima tappa del nostro lavoro sarà la partecipazione attiva alla creazione di una drammaturgia scenica che fonderà le due fasi precedenti in un corpo unico.

 

ISCRIZIONE

Inviare una e-mail entro e non oltre la mezzanotte del 24 Luglio 2017 con la richiesta di partecipazione al laboratorio con Nome, Cognome e Numero di Telefono, C.V. aggiornato e n° 2 foto a: laboratorio@throughlandscape.com

I selezionati saranno contattati direttamente dall'organizzazione.

 

MODALITÀ DI PAGAMENTO

Dopo essere stati contattati dall’organizzazione, i selezionati dovranno versare la quota di partecipazione  effettuando un bonifico bancario sul conto corrente di seguito riportato:

Denominazione: Comune di Stregna

Indirizzo: Fraz. Stregna 23, 33040 Stregna, Udine

Istituto di credito: Banca di Cividale S.p.A. - Via Scrutto 114, 33040 San Leonardo, Udine

IBAN: IT34Q0548464220029570001909

Nella causale del bonifico sarà da inserire la dicitura

“Laboratorio Through Landscape – Nome e Cognome” del partecipante.

 

ALLOGGIO

I partecipanti potranno soggiornare presso la stessa struttura convenzionata La Finestra prezzo a notte di 15€.

Per info:

www.slow-valley.com

mail info@slow-valley.com

tel. +393382025905

Federico Bellini

drammaturgo/autore

scarica il curriculum vitaeFederico Bellini nasce a Forlì nel 1976.

Lavora come assistente di Antonio Latella nello spettacolo I Negri, prodotto dal Nuovo Teatro Nuovo di Napoli nel 2002. Da allora collabora con Latella in qualita di drammaturgo per i seguenti spettacoli: Querelle (a quattro mani con il regista) dal romanzo Querelle de Brest di Genet (2002), produzione Nuovo Teatro Nuovo e Teatro Garibaldi di Palermo; I Trionfi, dal poema omonimo di Giovanni Testori (2003); Elsinor; La cena de le ceneri, dall’omonimo trattato filosofico di Giordano Bruno (2005); Studio su Medea da Euripide (2006), prodotto da Festival delle Colline Torinesi in coproduzione con Teatro Stabile dell’Umbria e Totales Theater International (Berlino); Moby Dick da Melville (2007), TSU in coproduzione con Teatro di Roma; Non Essere – Hamlet’s portraits (2008), Festival delle Colline Torinesi e TSU (assistente alla drammaturgia); La metamorfosi e altri racconti (drammaturgia con Antonio Latella e Sybille Meier) da Kafka per Schauspielhaus Köln (2009); Don Chisciotte (2009), NTN Napoli; Mamma Mafia (drammaturgia con Giuseppe Massa e Sybille Meier) per Schauspielhaus Köln(2011). È drammaturgo al Nuovo Teatro Nuovo di Napoli, per la stagione 2010/2011 diretta da Antonio Latella dove scrive come autore i monologhi Caro George per la regia di Latella, Prometeo per la regia di Pierpaolo Sepe, Il Velo per la regia di Tommaso Tuzzoli e il testo ispirato alla storia e al pensiero di Martin Heidegger Tutto ciò che è grande è nella tempesta, per la regia di Andrea De Rosa. Adatta anche i testi Incendi, per la regia di Agnese Cornelio, e Brand, per la regia di Tommaso Tuzzoli.

Nel 2011 scrive insieme a Linda Dalisi e Antonio Latella lo spettacolo Francamente me ne infischio, diretto da Latella; nel 2012 cura la drammaturgia di Studio sul Simposio di Platone per la regia di Andrea De Rosa, prodotto da Emilia Romagna Teatri. Nel 2013 cura con Antonio Latella la drammaturgia degli spettacoli A. H. e Die Wohlgesintenn (Le Benevole); nel 2015 cura con Antonio Latella la drammaturgia dello spettacolo Ti regalo la mia morte, Veronika, produzione Emilia Romagna Teatro, nel 2016 cura con Antonio Latella la drammaturgia dello spettacolo Ödipus, produzione Theater Basel, poi è drammaturgo con Linda Dalisi al progetto Santa Estasi: Atridi otto ritratti di famiglia, produzione Emilia Romagna Teatro, cura con Antonio Latella la drammaturgia dello spettacolo Caligula, produzione Theater Basel, cura con Antonio Latella e Linda Dalisi la drammaturgia dello spettacolo Pinocchio, produzione del Piccolo Teatro di Milano. Attualmente collabora con la Biennale di Venezia.

scarica il curriculum vitaeSi diploma a Roma, presso la Scuola di Teatro La Scaletta diretta da G.B. Diotajuti.

Continua a formarsi anche presso l'Accademia Teatrale di Palmi, avendo come insegnanti tra gli altri: A. Piccardi, D. Bonsch, J. Gedroyc (dell'Accademia di Varsavia), F. Pardelhain (attore dell'Odin), E. Stiefel (assist. di A. Mnouchkine).

È diretta da diversi registi tra cui: G. Caliendo, C. Boccaccini, P. De Silva, A. Piccardi, A. Zucchi, M. Castri, A. Latella, M. Leone e T. Tuzzoli.

Oltre al lavoro di attrice cura alcune regie, codirige la Scuola di Teatro La Scaletta (dal 1998 al 2005), insegna e si occupa di “allenamento dell'attore”. La sua passione è una ricerca molto personale sul lavoro dell'attore.

Tommaso Tuzzoli

regista

scarica il curriculum vitaeNasce a Napoli il 1977.

Dal 2001 al 2003 lavora come organizzatore per il Nuovo Teatro Nuovo di Napoli.

Nel 2001 inizia, in parallelo, la sua attività di aiuto regia per tutti gli spettacoli prodotti dal Nuovo Teatro Nuovo di Napoli.

Ha lavorato come aiuto regia e regista assistente di Antonio Latella per gli spettacoli:

I Negri (2002), Querelle (2002), Porcile (2003), La Tempesta (2003), La Bisbetica Domata  (2003), Bestia Da Stile (2004), Edoardo II (2004), La Cena Delle Ceneri (2005), Aspettando Godot (2007) Purificati (2008), Hamlet’s Portraits (2008), Le Nuvole (2009), Don Chisciotte (2009) e Lear (2010). Ha inoltre collaborato in qualità di organizzatore e tecnico anche ai seguenti spettacoli: Gagarin way, Pilade e Studio su Medea,

Dal 2002 al 2011 ha seguito le tournée in Italia e all'estero degli spettacoli diretti da A. Latella partecipando a Festival Internazionali in Italia, Francia, Germania, Austria, Spagna, Macedonia, Portogallo e Croazia.

Nel 2005 inizia il suo percorso di regista realizzando i seguenti spettacoli: “I Re” di J. Cortázar “Il Sentiero dei passi pericolosi”di M. M. Bouchard, studio su “Leonce e Lena” di G. Buchner Menzione Speciale all’interno della rassegna Nuove Sensibilità debutto Festival Teatro Italia Napoli, mise en espace di “L’Altro” di E. Cormann e di “Questo Figlio” di J. Pommerat per la rassegna “Face a  Face - Parole di Francia per Scene d’Italia”,“Risveglio di Primavera” da F. Wedekind, “Brand” da H. Ibsen adattamento F. Bellini e “Il velo” di F. Bellini,  “Salvatore – favola triste per voce sola” di S. Laviano; “Lettere d'amore a Stalin” di J. Mayorga, “Ti parlerò d'amor” di G. Gori e A. Gilleri, “Rose is a rose is a rose is a rose” di I. Sajko.

I suoi spettacoli sono rappresentati in tournèe in Italia ed ospitati in diversi festival, rassegne e stagioni. Dal 2008 ha condotto diversi laboratori presso le seguenti strutture e festival: Nuovo Teatro Nuovo di Napoli,  CSS Teatro stabile d'innovazione, Università degli Studi di Salerno, Festival Ouverture, Fondazione Salerno Contemporanea, Valli del Natisone Through Landscape 2015,  Progetto Regionale PAC III denominato “Contemporanea” e per l’Associazione Assoli. Nel 2010 fonda l'Associazione culturale Tinaos di cui è ad oggi il presidente. Nel 2013 idea ed organizza la rassegna Balkan Express – destinazione Sarajevo spettacoli, incontri, film, laboratori, musica e poesia a vent'anni dalla guerra in Bosnia presentato dalla Fondazione Salerno Contemporanea. Nel novembre 2015 realizza per Radio Rai FVG la versione radiofonica di Ti parlerò d'amor. Nel settembre 2014 collabora con la Golden Show di Trieste alla rassegna Muggia Cabaret presso il Teatro Verdi di Muggia. Nell'estate del 2015 è  ideatore e direttore artistico del progetto Valli del Natisone Through Landscape del Comune di Drenchia organizzato dalla Tinaos con il contributo di Turismo FVG. Dal 2015 cura per la Tinaos la rassegna Muggia Teatro realizzata presso il Teatro Verdi di Muggia con il contributo della Regione FVG e il patrocinio del Comune di Muggia. Muggia Teatro stagione 16.17 ottiene il riconoscimento come progetto speciale dal MIBACT per il 2016. Dal mese di giugno curerà il progetto Muggia Teatro stagione 17.18.

Sabrina Jorio

attrice/trainer

©Copyright Valli del Natisone - Through Landscape | All Rights Reserved /// Privacy /// Graphic designer francescocotroneo.it